Da Bangkok Padre Alessio Crippa -Saveriano Lissonese ci scrive…. 1° parte

 

La MISSONE è la gratuità del dono ed è il lubrificante più efficace per il buon funzionamento dei meccanismi culturali. E’ il presupposto di una nuova visone del mondo che lega o rilega, come vuol significare la parola “ Missione”, generazioni e comunità nel tempo. (ndr)

Il Gruppo missionario della Comunità Pastorale ha interpellato P. Alessio Crippa, missionario lissonese in Thailandia, per comunicare l’intenzione di destinare parte delle offerte quaresimali alla sua missione.
Ecco uno stralcio della lettera che ci ha inviato come risposta.

…ora la nostra attività sta crescendo e le nostre quotidiane visite e nelle 20 aree della baraccopoli ci mettono tutti i giorni con problematiche maggiori a cui proviamo a far fronte, non dando una soluzione “pronta” in tasca alla gente, ma invitando e sospingendo le persone a rialzarsi e camminare.       

A volte la realtà dura ci obbliga a mettere le cose in chiaro subito e chiedere dei passi difficili da compiere, come quello di chiedere a una madre di affidare il figlio a qualche centro cattolico che noi conosciamo bene e affidabile.

Ovviamente per provare a “preservare” il piccolo dall’andare a sniffare colla o droga che sia.

Detto questo, io potrei scriverti quattro righe più dettagliate su due principali esigenze:
sostenere le spese scolastiche di alcuni ragazzi e le spese di inserimento in questi centri cattolici;
acquisto di materiale sanitario (pannoloni, cuscini “speciali” per evitare le piaghe da decubito, medicinali) per i tanti ammalati allettati per ictus e paralisi.

Quest’anno dovrei avere il periodo di rientro in Italia per far visita alla mia famiglia a Lissone, dunque di sicuro ci vedremo, probabilmente dopo l’estate.
Chissà che poi ci sarà anche modo di spiegare per bene a chi fosse interessato in cosa consista la missione qui!

Un abbraccio fraterno, anche io vi ricordo… ciaooooo! P. Alessio Crippa, Kabe.

EDITH_STEIN_UFFICIALE_1_m

Maria ci ama perché vede
in noi l’opera della grazia,
perché scorge le anime nostre
irrorate dal sangue della Vittima divina,
perché riconosce in noi il suo Gesù.
La devozione nostra a Maria
si manifesti attraverso le nostre opere.
Dobbiamo sforzarci d’imitare quelle virtù
di cui essa ci ha lasciato esempi così luminosi,
specialmente l’umiltà, la purezza, la pazienza, la carità.
( S. Guido Maria Conforti )
COMUNITA´ PASTORALE S. TERESA BENEDETTA DELLA CROCE
Parrocchie:
Cuore Immacolato di Maria – Madonna di Lourdes
S. Maria Assunta – Sacro Cuore di Gesù
SS. Pietro e Paolo – S. Giuseppe Artigiano
LISSONE

I commenti sono chiusi