Nella direzione giusta di Don Tiziano Vimercati – Parroco

Don Tiziano Vimercati – Parroco


Si tratta di capire in quale direzione sia meglio andare.
In questi giorni in Europa si vota per il rinnovo del Parlamento.
Do per scontato che sia un diritto e un dovere andare a votare. Cui non si dovrebbe rinunciare troppo facilmente. Ma non è sufficiente. Occorre votare in modo consapevole, conoscendo il valore della posta in gioco.
Ho l’impressione, invece, che queste elezioni le riteniamo meno importanti delle politiche e delle amministrative, un po’ lontane dalla vita di tutti i giorni, come se fossimo convinti che non avranno reali risvolti sulle nostre scelte.  
Ci sbagliamo: l’Europa è il nostro futuro.

Si tratta di costruirla nel modo migliore, riscoprendo la grandezza di una storia vissuta, cercando di evitare gli errori compiuti, avendo ben chiari quei valori irrinunciabili per una società che vuol essere rispettosa della dignità di tutti.
Credo che non si debba tornare indietro.  Non si può fare a meno della collaborazione, della condivisione di mete, dell’incontrarci senza barriere e pregiudizi.

Penso anche che la stessa Europa sia fin troppo piccola, che occorrerà andare oltre, che ci guadagneremo tutti se impareremo a lavorare insieme,

nel rispetto di ogni cultura, tradizione, religione, sapendo che la diversità non è un ostacolo da superare ma ricchezza che ci rende migliori.

Abbiamo una grande responsabilità: costruire un’Europa attenta ai valori umani condivisi, che non si affida all’economia come valore assoluto, custode della pace e dell’armonia tra i popoli, generosa nell’accoglienza dello straniero, preoccupata di garantire giustizia, libertà e necessario per vivere.      

EDITH_STEIN_UFFICIALE_1_m


Padre dell’umanità, Signore della storia, guarda questo continente europeo al
quale tu hai inviato tanti filosofi, legislatori e saggi, precursori della fede nel tuo
Figlio morto e risorto.

Guarda questi popoli evangelizzati da Pietro e Paolo, dai
profeti, dai monaci, dai santi; guarda queste regioni bagnate dal sangue dei martiri

e toccate dalla voce dei Riformatori.
Guarda i popoli uniti da tanti legami ma anche
divisi, nel tempo, dall’odio e dalla guerra.

Donaci di lavorare per una Europa dello Spirito
fondata non soltanto sugli accordi economici, ma anche sui valori umani ed eterni.

Una Europa capace di riconciliazioni etniche ed ecumeniche, pronta ad accogliere lo straniero, rispettosa di ogni dignità.
Donaci di assumere con fiducia il nostro dovere di suscitare e promuovere un’intesa
tra i popoli che assicuri per tutti i continenti, la giustizia e il pane, la libertà e la pace.
Amen.
( Card. Carlo Maria Martini,
Preghiera per l’Europa, 26 maggio 2005)


COMUNITA´ PASTORALE
S. TERESA BENEDETTA DELLA CROCE
Parrocchie:
Cuore Immacolato di Maria – Madonna di Lourdes
S. Maria Assunta – Sacro Cuore di Gesù
SS. Pietro e Paolo – S. Giuseppe Artigiano
LISSONE

I commenti sono chiusi