Lunedì 29 giugno 2020, ore 19:00, la Comunità di Lissone ricorda i morti al tempo del Covid 19.

 “I veri fedeli sono uomini che … traggono solo dal loro battesimo l’ispirazione per la loro linea di condotta; non sono dei pusillanimi che, col pretesto specioso di sottomettersi ai poteri stabiliti, aspettano, per correre contro il nemico o per opporsi alle sue azioni, un programma che non è necessario e che non si deve loro dare”. Don Guéranger

Lunedì 29 giugno 2020 alle ore 19,00, giorno della memoria dei Patroni della nostra Chiesa Prepositurale PIETRO e PAOLO presso il cimitero di Lissone celebreremo una S. Messa in memoria delle persone scomparse nei mesi di marzo, aprile e maggio.

Durante la celebrazione eucaristica chiederemo al DIO DELLA VITA la liberazione dal virus della superficialità.

Quanto abbiamo drammaticamente imparato in questi mesi: il valore della persona, il bisogno di essere prossimi, la necessità di incontrarci, siano la nostra stella polare per non tornare all’antico, alla barbarie di una vita fatta di individualismo e solitudine.

Questo luogo – il cimitero -, custode prezioso del ricordo dei nostri morti, sia un monito a non tornare all’antico: ad una vita scandita da fitte agende, piene di impegni, dove gli altri sono sistematicamente ignorati.

L’apostolo Paolo affida la comunità alla Parola che ha un nome e un volto: Gesù Cristo. In questi mesi, provvidenzialmente, abbiamo imparato a prendere in mano la Parola di Dio, anche nelle nostre case, nelle nostre famiglie, qualcuno l’ha fatto per la prima volta.
Lasciamo che sia essa a scandire i nostri passi, mentre ci ricorda che chi vuole la vita deve consegnare sé stesso alla gratuità, all’amore, allo spendersi per gli altri.

La Parola l’abbiamo vista all’opera negli operatori sanitari: in loro si è realizzata la Pasqua, uomini e donne che hanno rinunciato a pensare per sé e si sono spesi per gli altri.

Il loro comportamento ha suscitato la nostra ammirazione; non c’ è dubbio la Pasqua attira, uomini e donne che “vivono per”, non centrati su sé stessi, commuovono.  “Custodiscili nella verità”, il Vangelo di Giovanni ci ha consegnato questa splendida preghiera di Gesù.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image-20.png

“Chi è la verità?
Gesù di Nazareth, morto e risorto è la Verità.
Manda il tuo Spirito Signore, custodiscici nel vero, non toglierci la memoria di quanto abbiamo veduto, per onorare questi nostri morti che come Te, SIGNORE DELLA VITA, sono stati sepolti in tutta fretta.”

La celebrazione eucaristica sarà officiata dal Prevosto Don Tiziano Vimercati, con la partecipazione dei sacerdoti della nostra Comunità Pastorale.
Saranno presenti le più importanti cariche cittadine e militari a partire dal Sindaco Concettina Monguzzi.

Nel corso della celebrazione eucaristica, S. Messa, verranno ricordati i cittadini morti nel periodo più cruento della pandemia da coronavirus. Non solo quelli deceduti a causa del virus, ma tutti, perché per più di tre mesi non è stato possibile celebrare la S. Messa esequiale nelle Chiese Parrocchiali della nostra Comunità Pastorale S. Teresa Benedetta della Croce.

Inoltre per i fedeli partecipi della cerimonia in memoria potranno assistere seduti su sedie collocate nel rispetto delle vigenti disposizioni governative e regionali.

EDITH_STEIN_UFFICIALE_1_m
S. Teresa Benedetta della Croce

Lo splendore di una lampada
è pure invocazione:
trepida e fervente invocazione al Cielo
perché conceda pace ai defunti,
perché sostenga i combattenti

delle molteplici
e svariate battaglie della vita.


Lo splendore di una lampada accesa
ricorda sempre una fedele unione
di menti e di cuori.

COMUNITA´ PASTORALE
S. TERESA BENEDETTA DELLA CROCE
Parrocchie:
Cuore Immacolato di Maria – Madonna di Lourdes
S. Maria Assunta – Sacro Cuore di Gesù
SS. Pietro e Paolo – S. Giuseppe Artigiano
LISSONE

I commenti sono chiusi