La Voce del PREVOSTO – Il Martirio nella luce della Pasqua.

 

 

 

Don Tiziano Vimercati – Prevosto della Comunità

insieme_11

 

Da diversi anni, nel mese di marzo, ricordiamo i numerosi martiri missionari, preti, suore e laici, che nell’ultimo anno sono stati uccisi.
Il decanato di Lissone ha organizzato una veglia di preghiera per domenica prossima presso la chiesa di Macherio.
Purtroppo si tratta di una lunga lista di nomi, per lo più sconosciuti, a meno che siano italiani e abitavano nelle vicinanze.
Come le tre suore italiane, di cui una, suor Lucia Pulici, nativa di Desio, uccise in Burundi nel settembre del 2014.

Sono martiri, che però non conquistano le prime pagine dei giornali, non fanno notizia.
Chi in questi giorni ha sentito parlare di Annselma, Judith, Margarita e Reginette, quattro suore dell’ordine di Madre Teresa di Calcutta, missionarie della carità, massacrate insieme ai collaboratori musulmani? Magari ci è sfuggita anche la notizia: ad Aden, nello Yemen, una banda di uomini armati ha fatto irruzione in una casa di riposo e ha ucciso le quattro suore e anche dodici collaboratori.
Forse, però, non è corretto dire che questa notizia sia sfuggita a molti: semplicemente i giornali, tranne pochissime eccezioni, non ne hanno parlato.
Certo, non erano donne italiane, il luogo del delitto è lontano, sono cristiane.
Ma tutto ciò non giustifica il silenzio e l’indifferenza.
Come non si giustifica il silenzio su tante altre morti a causa della violenza dell’uomo. In queste suore possiamo vedere il simbolo di tanti altri cristiani uccisi in nome della fede; e anche di tutti coloro che, magari facendo del bene, sono stati barbaramente uccisi.
Per questo non ci sta il silenzio, l’indifferenza è offensiva.
Annselma, Judith, Margarita e Reginette sono diventate serve dei più poveri, di quelli che non hanno alcun potere, di chi mai avrebbe potuto ricambiare se non con un sorriso e la riconoscenza. Donne coraggiose e libere: non sono fuggite neanche a seguito delle minacce ricevute. Credo che essere stati indifferenti sia come averle uccise una seconda volta.
Indifferente non lo è certo stato il Signore Gesù che le ha accolte nel suo Regno.
Come Gesù hanno dato la vita per i fratelli.
Ora, come Gesù, sono nella luce della risurrezione, per loro si è già compiuto il mistero pasquale.   

EDITH_STEIN_UFFICIALE_1_m

Dopo la notte buia,
splende davanti a noi
la fiamma viva dell’Amore.
S. Teresa Benedetta della Croce

COMUNITA´ PASTORALE S. TERESA BENEDETTA DELLA CROCE
Parrocchie:
Cuore Immacolato di Maria – Madonna di Lourdes 
S. Maria Assunta – Sacro Cuore di Gesù
SS. Pietro e Paolo – S. Giuseppe Artigiano
LISSONE

I commenti sono chiusi.