Ti ho amato di amore eterno di Don Tiziano Vimercati – Parroco

Don Tiziano Vimercati – Parroco

Sabato prossimo ( 5 settembre 2020 ndr)il diacono Stefano Formenti, nostro concittadino, diventerà prete. Sull’immaginetta della prima messa c’è questa citazione del profeta Geremia: Ti ho amato di amore eterno.

Forse noi preti ci preoccupiamo troppo delle cose da fare, dei piani pastorali e delle tradizioni da rispettare.

Forse noi preti dovremmo preoccuparci un po’ di più di ciò che siamo.

Mai perdere di vista l’amore eterno di Dio che avvolge tutti i suoi figli. E’ solo in questa consapevolezza che possiamo essere cristiani e, per chi chiamato, prete. Quindi, caro Stefano, ascolta il Signore che ogni giorno ti dirà: ti ho amato di amore eterno. Ricordare questo ti permetterà di essere prete, e non semplicemente di fare il prete. Non ti dimenticherai che è il Vangelo di Gesù che devi vivere, il solo annuncio da offrire.

Ama la Parola di Dio, studiala e che sia sempre nel tuo cuore e sulle tue labbra. Afferrala a piene mani, la parola di Dio, e anche se è un ferro rovente, non temere di bruciarti, scriveva Bernanos.

Ama Gesù in croce: il prete ama Dio e i fratelli con tutto se stesso, fino alla fine, nel dolore della carne, nell’incomprensione e nell’indifferenza, senza preoccuparsi troppo di essere capito, per niente di essere ringraziato e ancor meno di essere festeggiato. Così l’eucarestia che celebriamo diventa vita vissuta, verità che ci sostiene, sostegno insostituibile.

Penso che il prete debba anche chiedersi qual è lo stile di vita e il modo di annunciare il vangelo che sia credibile.

Occorre essere uomini, semplicemente uomini. Non eccezionali, non santi, non prime donne desiderose di applausi ma uomini maturi, responsabili, di cui ci si può fidare. In una parola, galantuomini.
Preoccupati dei tuoi peccati ma non lasciarti abbattere perché tutti siamo peccatori: non è questo che ci allontana dal nostro Signore.
Ti amo di amore eterno, vuol dire per sempre, senza condizioni, e neanche il nostro peccato farà cambiare idea a Dio. 
Mi piace la seconda parte del versetto di Geremia, da te scelto: per questo ti conservo ancora pietà. 
La nostra forza non è la bravura, l’intelligenza, lo zelo, la generosità: se usiamo di queste doti con superbia e narcisismo possono addirittura diventare pericolose. Sembra proprio, invece, che il Signore si manifesti volentieri nella nostra fragilità, nel nostro peccato, è capace di trasformare le persone, e di renderle sante.

Per questo ti conservo ancora pietà: un amore che perdona, che si fida, che ci permette di compiere il bene anche se peccatori, che ci offre gioia di vivere.
Ecco, la gioia: ti auguro di essere un uomo che diventa prete e che vive nella gioia, felice, sereno anche sotto il peso delle fatiche apostoliche. Non dobbiamo dare l’impressione che il vangelo renda tristi, annoiati, non confondiamo la serietà con l’aridità di cuore.
Lo scrittore Marshall di un prete scrisse: era un buon uomo e amava Dio, ma lo amava senza ridere.
Forse non lo amava abbastanza, forse era più paura che amore.

L’incontro con Dio ci spinge a danzare, pieni di gioia e di gratitudine.

Non ricordo il nome di una scrittrice che affermò di aver smesso di credere quando sul volto del prete e dei fedeli riuniti per le preghiere vide sui loro volti solo noia e mai un sorriso.
Probabilmente, e a ragione, non voleva una vita triste.

Ma neanche il Signore la vuole per noi.

Aiutiamo l’uomo a sorridere, a gustare la gioia, anche se ci capita di avere la morte nel cuore, anche se vorremmo piangere: offrire gioia vuol dire riscoprirla, rende felice l’altro ma anche me stesso.

E il vangelo è gioia, perché è speranza per tutti, è promessa di vita nuova in compagnia del nostro Signore Gesù.

Che ti accompagnino sempre queste parole: Ti amo di amore eterno, per questo ti conservo ancora pietà. (Geremia 31,3).     

  

EDITH_STEIN_UFFICIALE_1_m
S. Teresa Benedetta della Croce


COMUNITA´ PASTORALE
S. TERESA BENEDETTA DELLA CROCE
Parrocchie:
Cuore Immacolato di Maria – Madonna di Lourdes
S. Maria Assunta – Sacro Cuore di Gesù
SS. Pietro e Paolo – S. Giuseppe Artigiano
LISSONE

I commenti sono chiusi.