Armati di preghiera. Veglia per la Pace – Chiesa Prepositurale: Mercoledì 2 marzo 2022, ore 19.30.

“Chi fa la guerra dimentica l’umanità, non sta con la gente, non si interessa della vita concreta delle persone, ma mette davanti a tutto l’interesse del potere. Si affida a logica diabolica” ( Papa Francesco)

L’ultimo giorno di Kiev sorge al tramonto, un paio d’ore prima del coprifuoco, quando la gente è ancora in strada, scartando i lastroni di ghiaccio e le granate fuori bersaglio che possono fare una strage. Sono colpi d’avvertimento. Il nemico è alle porte. L’inferno anche. Tutti sperano nel negoziato, nessuno ci crede. Da oggi la capitale ucraina avrà altri connotati. ( Avvenire 2-03-2022 )

La triste guerra iniziata il 25 febbraio alle 4 in Ucraina, sta tenendo in ansia i tanti italiani. Lissone ancor di più, dove ci sono tante donne e uomini ucraini che accudiscono i tanti nostri cari genitori.
Anziani che piangono con le/i loro badanti per le tragiche notizie che arrivano dal loro paese, donne che si disperano nel sentire i figli, anche malati che sono stati chiamati alle armi.
Eppure non tutti i media hanno dato gran rilievo ad umile e grande gesto di Papa Francesco che capovolge i ruoli dimostrando quanto gli stia a cuore il bene delle persone.
Si è fatto mendicante di pace.
Un gesto che fa riflettere.
Anche l’iniziativa di fare del Mercoledì delle Ceneri un giorno di digiuno e di preghiera va in questo senso.
Dobbiamo pure noi farci mendicanti presso Dio perché intervenga Lui dove non possiamo arrivare noi.
Allora in sintonia con l’appello di Papa Francesco per una giornata di preghiera e digiuno, invitiamo mercoledì 2 marzo alle ore 19,30, i fedeli e non della Comunità Pastorale S. Teresa Benedetta della Croce a “ …riunirsi in preghiera per invocare da Dio il dono della Pace” , in chiesa Prepositurale SS. Pietro e Paolo.
Ma anche il nostro Vescovo Mario ci chiede di credere nella forza della preghiera, nel rivolgerci a Dio per aprire il cuore e lo sguardo ad un mondo nuovo, per non scoraggiarci e non smettere di cercarlo.
Propone in questi giorni di tensione e di guerra di recitare quotidianamente una decina del Rosario personalmente o in famiglia per chiedere l’intercessione di Maria regina della Pace.

Ecco l’appello del Santo Padre FRANCESCO, letto dopo l’Angelus, di domenica 27 febbraio 2022.

Cari fratelli e sorelle!

In questi giorni siamo stati sconvolti da qualcosa di tragico: la guerra.
Più volte abbiamo pregato perché non venisse imboccata questa strada.
E non smettiamo di pregare, anzi, supplichiamo Dio più intensamente.
Per questo rinnovo a tutti l’invito a fare del 2 marzo, Mercoledì delle Ceneri, una giornata di preghiera e digiuno per la pace in Ucraina.
Una giornata per stare vicino alle sofferenze del popolo ucraino, per sentirci tutti fratelli e implorare da Dio la fine della guerra.

Chi fa la guerra dimentica l’umanità.
Non parte dalla gente, non guarda alla vita concreta delle persone, ma mette davanti a tutto interessi di parte e di potere.
Si affida alla logica diabolica e perversa delle armi, che è la più lontana dalla volontà di Dio.
E si distanzia dalla gente comune, che vuole la pace, e che in ogni conflitto è la vera vittima, che paga sulla propria pelle le follie della guerra.
Penso agli anziani, a quanti in queste ore cercano rifugio, alle mamme in fuga con i loro bambini…
Sono fratelli e sorelle per i quali è urgente aprire corridoi umanitari e che vanno accolti.

Con il cuore straziato per quanto accade in Ucraina – e non dimentichiamo le guerre in altre parti del mondo, come nello Yemen, in Siria, in Etiopia… –, ripeto: tacciano le armi!
Dio sta con gli operatori di pace, non con chi usa la violenza.
Perché chi ama la pace, come recita la Costituzione Italiana, “ …ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”. (Art. 11).

EDITH_STEIN_UFFICIALE_1_m

COMUNITA´ PASTORALE S. TERESA BENEDETTA DELLA CROCE
Parrocchie:
Cuore Immacolato di Maria – Madonna di Lourdes 
S. Maria Assunta – Sacro Cuore di Gesù
SS. Pietro e Paolo – S. Giuseppe Artigiano
LISSONE

I commenti sono chiusi.