Domenica 24 marzo: XXVII° Giornata di preghiera in memoria dei missionari martiri.

Oggi, Domenica 24 marzo si celebra la 27° Giornata di preghiera e digiuno in memoria dei missionari martiri. Il 2018 è stato un anno nero: 40 missionari e operatori pastorali uccisi. Un numero di vittime doppio rispetto ai dodici mesi precedenti.

Il versetto biblico “Per amore del mio popolo non tacerò” (cfr. Is 62,1), é stato scelto come tema per questa 27.ma Giornata di preghiera in memoria dei missionari martiri. La data del 24 marzo venne scelta in quanto giorno dell’assassinio dell’Arcivescovo San OSCAR ROMEO, avvenuto nel 1980, mentre celebrava la Messa, beatificato il 23 maggio 2015 e canonizzato da PAPA FRANCESCO il 14 ottobre 2018.

“ Per amore del mio popolo non tacerò “ significa agire coerentemente alla propria fede. In quanto cristiani, discepoli missionari, portatori della Buona Notizia di Gesù non possiamo tacere difronte al male. Farlo significherebbe tradire il mandato che ci è stato affidato.

Poi le uccisioni, avvenute in questi giorni, di due sacerdoti, in Camerun e Nigeria – rispettivamente il Padre cappuccino T. Zoumaldé e Padre C. Ugwu, del clero di Enugu – sono le ultime di una lunga serie e sono sintomatiche del malessere in cui versano le periferie geografiche ed esistenziali del nostro tempo.

Gli atti di violenza non si limitano però ai sanguinosi fatti, già di per sé gravissimi, che riguardano spesso i missionari/e.
Il loro martirio, infatti, si fa sempre più dolore per la diffusione, le motivazioni e le conseguenze dei fenomeni che generano morte e distruzione, dall’Africa, all’America Latina, dal Medio all’Estremo Oriente. Basti pensare all’arruolamento forzato di bambini soldato, giovani attirati nelle spire dell’inganno; tante famiglie gettate nella disperazione… Basti a pensare alle molte attività produttive soffocate dalle estorsioni; alle tante vite stroncate; a una diffusa rassegnazione tra le popolazioni, quasi si trattasse di calamità ineluttabili.

Stando ai dati forniti dall’Agenzia Fides, nel corso del 2018, sono stati uccisi nel mondo 40 missionari, quasi il doppio rispetto ai 23 dell’anno precedente, e si tratta per la maggior parte di sacerdoti: 35 in tutto.
Dopo otto anni consecutivi in cui il numero più elevato di missionari uccisi era stato registrato in America, nel 2018 è il continente africano ad essere al primo posto di questa tragica classifica.
Oltre ai 35 sacerdoti hanno perso la vita 1 seminarista e 4 laici.
In Africa sono stati uccisi 19 sacerdoti, 1 seminarista ed 1 laica; in America 12 sacerdoti e 3 laici; in Asia 3 sacerdoti; in Europa 1 sacerdote.

Non ignorando chi, nella Chiesa, inquina la testimonianza con scandali ingiustificabili – come nel caso aberrante della pedofilia – la testimonianza di tanti missionari/e sacerdoti e laci/ca caduti sul campo è potente.

Nella fede, il pegno è che il loro sacrificio sarà comunque generatore di vita.

APPUNTAMENTO.

Chiesa SACRO CUORE di GESU’ – Via del Concilio 20
Domenica 24/3/2019, ore 21.00: Veglia di preghiera per ricordare i martiri che sono stati uccisi per la loro fede cristiana. 

PREGHIERA

Signore Gesù Cristo,
Aiutaci perché ci incamminiamo con tutto noi stessi sulla via della croce e rimaniamo per sempre sulla tua via.
Liberaci dalla paura della croce, dalla paura di fronte all’altrui derisione, dalla paura che la nostra vita possa sfuggirci se non afferriamo tutto ciò che essa offre.
Aiutaci a smascherare le tentazioni che promettono vita, ma alla fine ci lasciano soltanto vuoti e delusi.
Aiutaci a non impadronirci della vita, ma a donarla.
Aiutaci, accompagnandoti sulla via del chicco di grano, a trovare, nel perdere la vita”, la via dell’amore, la via che veramente ci dona vita, vita in abbondanza.
(PAPA EMERITO BENEDETTO XVI° – testo adattato)

EDITH_STEIN_UFFICIALE_1_m

“Voglio che la mia vita e le mie azioni parlino per me
e dicano che sto seguendo Gesù.
Tale desiderio e cosi forte in me

che mi considererei privilegiato qualora
‐ in questo sforzo per aiutare i bisognosi,
i poveri, i cristiani perseguitati del Pakistan ‐
Gesù volesse accettare il sacrificio della mia vita.
Voglio vivere per Gesù e per lui voglio morire”.

(Shabbaz Bhatti, dal testamento spirituale)

COMUNITA´ PASTORALE
S. TERESA BENEDETTA DELLA CROCE
Parrocchie:
Cuore Immacolato di Maria – Madonna di Lourdes
S. Maria Assunta – Sacro Cuore di Gesù
SS. Pietro e Paolo – S. Giuseppe Artigiano
LISSONE

I commenti sono chiusi